domenica 25 marzo 2012

Londra odi et amo


 

Il mio rapporto con Londra ha origini lontane nel tempo.
Molte cose bellissime della mia vita sono legate a questa città, in un certo senso tutto è cominciato lì.
A Londra ho conosciuto L.
A Londra mi sono innamorata di lui.
A Londra ho passato i weekend più belli della mia vita di fidanzata.
A Londra ho vissuto i primi anni di matrimonio.
A Londra è nata la mia prima figlia... e infatti dopo pochi mesi dalla sua nascita siamo rientrati in Italia! °_°
Quindi quando circa un anno fa si è ripresentata la prospettiva di tornare a vivere in questa città, dentro di me si  è scatenato un tumulto di sensazioni, un mix di pensieri positivi ma anche negativi.
Voglio dire, io so già cosa significa trasferirsi, o meglio, emigrare. L'ho già fatto. Ho già vissuto l'impatto (shock) linguistico e culturale che comporta. E sebbene la mia vita precedente da expat sia legata a avvenimenti  unici e irripetibili, si porta dietro anche tanti ricordi di momenti critici, di nostalgie, di sensazioni di non farcela.
E allora eravamo solo in due. E avevamo poco più di vent'anni.
Dodici anni dopo siamo in quattro: in questa avventura ci accompagnano E., la nostra primogenita nel pieno della tempesta ormonale da pre-adolescenza e C., la secondogenita, che ha da poco imparato a leggere correntemente (in italiano).
Ce la faremo? Diciamo che ci stiamo preparando. Anche psicologicamente!

2 commenti:

  1. Tanti tanti tanti in bocca al lupo per la nuova avventura in 4!

    RispondiElimina
  2. Londra l'ho visitata più di qualche volta ... e l'ho sempre - come turista! - trovata bellissima ! E' una città che mi ha sempre affascinato molto! ... e poi è a due ore di volo da "casa"!

    RispondiElimina