martedì 4 settembre 2012

Una delle ragioni per cui farei volentieri a meno di vivere qui

Vedere la propria bambina entrare a scuola piangendo (anche se non troppo, cercava di 'darsi un contegno'...);
Sapere che ne ha tutte, ma proprio tutte, le ragioni;
Cercare comunque di consolarla e darle qualche incoraggiamento e consiglio su come superare certi 'ostacoli' pratici:
Provare a farle trovare anche il lato positivo (°_°).
Ecco, questa è una cosa che spezza il cuore.

10 commenti:

  1. Piccolo Amore di mamma certo che noi genitori ci lasciamo intenerire e commuovere dalle nostre creature.
    Ma forse ci dimentichiamo che siamo stati bambini anche noi, e che la gioia di rivedere la mamma a fine giornata era molto più grande della tristezza che si provava nel salutarla.
    E' difficile chiedere ad un bambino di essere forte, e non mi vengono in mente favole da raccontare per consolare o trasmettere un messaggio di supporto.
    Anche perché il mio piccino è ancora troppo piccolo per ascoltarle.
    Ma tu stringila al cuore quando la vai a riprendere, vedrai che in un qualche giorno lei non piangierà più quando la saluterai.
    Un neopapà

    RispondiElimina
  2. Ciao
    sono rosy! una mamma italiana a Londra anche io.
    Vivo qui da ben 6 anni e ho un bimbo di uno che tra qualche giorno inizierà l'esperienza del nido...come ti capisco!
    Ho trovato questo blog da poco, mi piacerebeb saper qualcosa in più su di voi...Ciao!

    RispondiElimina
  3. "Mamma! Vorrei tanto essere in Italia..." e quando lo dice, anche se si tratta di un dvd che vedeva dal cugino e che non vede più, mi si stringe sempre il cuore !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...
      Poi alla fine C. è uscita da scuola contenta, però i momenti di crisi sono duri!

      Elimina
  4. Ciao, sono Giusi.
    Ho scoperto stasera questo blog , e l'ho trovato carino. Appena avro' un attimo di tempo faro' sicuramente una lettura più approfondita...Ma mi chiedevo una cosa: perchè questo "A. B. C. ..." per indicare i nomi? Scusa, ma lo trovo assurdo! Se non vuoi usare i nomi veri (ma che problema è?) puoi usare soprannomi , o altri nomi. Scusa, visto lo spazio "commenti" ...ho commentato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi e benvenuta.
      In merito al discorso delle lettere al posto dei nomi, è frutto di una scelta. Non è tanto per un discorso di privacy (chi mi conosce sa come ci chiamiamo!) nè per altri motivi specifici, semplicemente mi piaceva così. Non credo che faccia molta differenza al lettore sapere che una persona viene chiamata G. piuttosto che Giusi o con un nomignolo studiato ad arte. Non trovi? Seguimi se ti va e commenta pure... questo spazio è fatto apposta!!! ;)

      Elimina
  5. In bocca al lupo alle tue bimbe. Serve molto coraggio per affrontare questi cambiamenti. Mia figlia grande è stata in Cina per un intero anno scolastico, frequentando una scuola pubblica, non conoscendo nulla di cinese... è riuscita a sopravvivere, a capire e parlare un pò il cinese, a farsi amici cinesi. Anche le tue bimbe ce la faranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupo!
      Caspita l'impatto con il cinese dev'essere stato duro...

      Elimina
  6. Ciao !! Anche io sto a Londra, mi fa piacere che la bibma a fine giornata si fosse ripresa ! Qualche giorno ancora e sarà sempre meglio ;)
    Dancer

    RispondiElimina