venerdì 18 gennaio 2013

Novanta

E' nata nel 1923.
Ha vissuto tutta sua vita nello stesso quartiere: la precollina, oggi zona semi-centrale di Torino, ma che un tempo (ai suoi tempi) era quasi campagna.
Ha visto e vissuto tutte le trasformazioni di questo ultimo secolo.
Ha vissuto quando le automobili erano un lusso per pochi, e il mezzo di trasporto più usato era la bicicletta.
Ha vissuto quando non c'erano le lavatrici, i frigoriferi e le televisioni.
Ha usato i primi telefoni fissi, quando si passava attraverso il centralino per avere la linea e quando si ascoltavano i programmi radio via telefono.
Ha vissuto gli anni del fascismo, della dittatura, della seconda guerra mondiale.
Ha visto l'Italia in guerra, in crisi, in ripresa e poi di nuovo in crisi.
L'Italia monarchica e quella repubblicana.
Gli anni delle contestazioni giovanili, del femminismo.
Gli anni di piombo.
E poi l'invasione della tecnologia: il computer, i telefoni cellulari, la televisione, internet.
Oggi le abbiamo fatto gli auguri su Skype.
Chissà che effetto fa a novant'anni parlare ad un computer di fronte ad una webcam?
Oggi me lo sono chiesto. Auguri NONNA!

2 commenti:

  1. Bellissime queste nonne tecnologiche. Mi fai pensare alla mia di nonna, anche lei ha vissuto tutto questo.

    RispondiElimina
  2. A me fa un certo effetto. Poi ieri, vederla di fronte alla webcam, ecco mi ha fatto tanta tenerezza!

    RispondiElimina