giovedì 7 marzo 2013

What day is it? It's WORLD BOOK DAY!

Oggi C. è andata a scuola vestita da Pippi. Pippi calzelunghe. Ve la ricordate???


Lo so, il carnevale è passato da un pezzo, e qui tra l'altro non si usa travestirsi per quell'occasione.
Oggi in tutto il Regno Unito ed in Irlanda era il WORLD BOOK DAY.
Cioè? Direte voi...
Tutto è cominciato così: la scorsa settimana, le rispettive scuole delle mie figlie hanno distribuito a tutti gli allievi dei token del valore di 1 pound, utilizzabili in uno dei seguenti modi:
1. recandosi in qualsiasi libreria e ricevendo GRATIS un libro, se scelto all'interno di un gruppo di libri selezionati dalla libreria stessa appositamente per questo evento. Questa offerta era valida solo per la giornata di oggi.
2. acquistando, sempre in qualsiasi libreria, un libro (o un audio libro) non incluso nel gruppo di quelli 'free' ed ottenendo uno sconto di 1 pound sull'acquisto. In questo caso l'offerta durava circa un mese.
Ecco come si presentava il token:

How to use your token

In più, nella giornata di oggi, i bambini delle scuole primarie potevano travestirsi, calandosi nei panni del personaggio di un libro che avevano letto.
E così C. si è divertita ad impersonare Pippi Longstocking ed ha anche guadagnato un libro nuovo nuovo.
E. non si è travestita ma si è aggiudicata una nuova lettura, come la sorella.
Non sto a dire che non eravamo gli unici avventori in libreria: ovviamente era strapiena, soprattutto di mamme e di bambini!

Questo mi ha fatto riflettere, perchè è un'iniziativa intelligente che non mi sembra in Italia esista.
Per dirla con le parole degli organizzatori, è un momento di celebrazione. Celebrazione degli autori, degli illustratori, dei libri ma soprattutto è la celebrazione della lettura.
E i grandi invitati a questa festa sono i bambini e ragazzini di tutte le età, affinchè apprezzino i libri. Happily and loudly!
Non a caso è il sedicesimo anno che il World Book Day si ripete.
Io l'ho visto per la prima volta quest'anno e mi è sembrata una straordinaria idea, accolta molto bene dai destinatari che hanno riempito le librerie.
E allora mi chiedo: perchè in Italia no? A volte basterebbe davvero poco.

Helping children to explore the pleasure of books



4 commenti:

  1. Infatti, è un'iniziativa fantastica. E soprattutto è molto bello il modo in cui è organizzata.

    RispondiElimina
  2. Anche all'asilo della Bibi hanno fatto grandi feste, con tutti i genitori invitati e le maestre che facevano "face piantino". E' meraviglioso vedere bambini cosi piccoli cosi interessati ai libri ed alla lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, con un piccolo sforzo si ottengono grandi risultati... Peccato che non tutti i Paesi ci arrivino.

      Elimina